Twitter YouTube Facebook

La Fondazione ricorda l’Avvocato Giovanni Agnelli

Per 36 anni presidente dell’istituto, promotore della sua visione culturale e garante della sua autonomia

21.01.2013

Fu l’Avvocato Giovanni Agnelli nel 1966 a volere fortemente che FIAT e IFI dessero vita alla Fondazione Giovanni Agnelli, un centro di ricerca e di attività culturali da dedicare alla memoria del nonno, il Senatore Giovanni Agnelli, nel centenario della nascita. Dal 1967 al 2003 l’Avvocato mantenne la carica di presidente della Fondazione.

Osservatore sempre attento e aperto alle novità emergenti nel panorama culturale internazionale, l’Avvocato comprese che la ‘fondazione’ – istituto allora già molto diffuso nel mondo anglosassone, ma pressoché sconosciuto in Italia – avrebbe potuto essere la soluzione giuridica, organizzativa e operativa più idonea a realizzare, in piena indipendenza economica e culturale, gli obiettivi richiamati nello statuto: "approfondire e diffondere la conoscenza delle condizioni da cui dipende il progresso dell'Italia in campo economico, scientifico, sociale e culturale".

E fu lo stesso Avvocato a dare un contributo importante alla scelta della Fondazione di indagare i grandi temi della società italiana per mezzo degli strumenti propri delle correnti più innovative delle scienze sociali, che in quegli anni andavano affermandosi sulla scena internazionale con metodologie rigorose e fortemente orientate alla ricerca quantitativa.

Di tale orientamento scientifico e culturale, che ancora oggi informa le attività della Fondazione, l’Avvocato continuò a essere un sostenitore per tutti gli anni della sua presidenza, durante i quali egli fu garante dell’assoluta autonomia dell’istituto.

L’Avvocato Agnelli partecipò in prima persona a moltissime iniziative della Fondazione Agnelli in Italia, in Europa e negli Stati Uniti, intervenendo con caratteristica e lucida curiosità intellettuale. Lo ricordiamo appassionarsi ai più diversi temi di ricerca e, in particolare, a quelli dove più evidente fosse la proiezione e lo sguardo rivolto al futuro.

Ed è anche per questo che, mentre la Fondazione ricorda l’Avvocato Giovanni Agnelli a dieci anni dalla sua scomparsa, crediamo che egli avrebbe condiviso la nostra scelta di questi anni recenti di occuparci di education, di scuola, di università, ossia di come poter dare ai nostri giovani i migliori strumenti di conoscenza per costruire il proprio futuro.