Twitter YouTube Facebook

WP 45 - Per quali lavori vengono cercati i nuovi laureati?

Come sono cambiate le previsioni di assunzione da parte delle imprese italiane dopo la riforma del 3+2

16.02.2012

Il paper di Anna De Paoli (Università di Milano-Bicocca) analizza a fondo la banca dati Excelsior di Unioncamere per comprendere come siano mutate le intenzioni di assunzione di neolaureati da parte delle imprese italiane in seguito alla riforma del 3+2, cercando in particolare di specificare per quali lavori e mansioni i datori di lavoro manifestano una propensione a sostituire diplomati con laureati.

Il paper fa parte di un più ampio progetto di ricerca della Fondazione Agnelli sugli esiti della riforma del 3+2, che ha dato origine al Rapporto I nuovi laureati. La riforma del 3+2 alla prova del mercato del lavoro (Laterza, 2012)

Files:
De_Paoli__Changes_in_the_expected_employment_of_graduates_after_the_3_2_university_reform_-_FGA_WP45__01.pdf203 K